Vai al contenuto

Integratori GABA: come funzionano? Facciamo chiarezza su tipologie ed efficacia

    integratori gaba reale efficacia come funzionano tipologie

    Soffri di ansia, stress o insonnia e ti hanno consigliato di assumere integratori GABA? Vorresti saperne di più su cosa sono questi integratori e qual è il loro meccanismo d’azione nel combattere queste condizioni? Vuoi capire meglio qual è la differenza fra integratori che contengono GABA e integratori che agiscono sul GABA? Quale delle due tipologie è più efficace?

    Procediamo con ordine e rispondiamo a tutte queste domande, andando a vedere innanzitutto cos’è il GABA, quale ruolo gioca nella gestione dell’ansia e dei disturbi ad essa associati, come assumerlo e quali integratori preferire per una maggiore efficacia d’azione.

    Cos’è il GABA

    L’acido gamma-aminobutirrico (GABA) è un amminoacido non proteico ampiamente presente in natura. Il GABA è ben noto per essere il principale neurotrasmettitore inibitorio nel sistema nervoso centrale dei mammiferi, svolgendo un ruolo vitale nel modulare la trasmissione sinaptica, nel promuovere lo sviluppo e il rilassamento neuronale e nel regolare il ritmo circadiano sonno-veglia.

    Bassi livelli di GABA o un suo funzionamento compromesso , infatti, sono associati alla comparsa e al mantenimento dello stress acuto e cronico, dei disturbi d’ansia, dei disturbi del sonno come l’insonnia e della depressione.

    Il GABA e i recettori GABA

    Come abbiamo visto, il GABA è un neurotrasmettitore molto presente nel cervello dei mammiferi e quindi anche in quello dell’uomo. Come tutti i neurotrasmettitori agisce trasmettendo un segnale nervoso da un neurone all’altro. In particolare il GABA è un neurotrasmettitore inibitorio, quindi trasmette un messaggio di calma e di riposo all’interno del cervello.

    Il GABA funziona legandosi ad uno specifico recettore, chiamato appunto recettore GABA. Il recettore GABA è un canale di membrana permeabile agli ioni cloro, posizionato sulla membrana cellulare dei neuroni all’interno del cervello; quando un neurone rilascia il GABA nello spazio sinaptico (lo spazio situato tra un neurone e l’altro, attraverso il quale le cellule si scambiano continuamente i neurotrasmettitori), questo si lega allo specifico sito di legame del suo recettore, aprendo il passaggio del canale e facendo entrare nella cellula gli ioni cloro. L’ingresso di ioni cloro trasmette il messaggio di “riposo” al neurone e attiva una cascata di reazioni analoghe su tutti i neuroni adiacenti.

    Il recettore del GABA ha anche altri siti di legame, che vengono sfruttati, ad esempio, dalle benzodiazepine. Le benzodiazepine (es. Lorazepam, Diazepam, Alprazolam, ecc.) sono una classe di composti farmaceutici di larghissimo utilizzo, con effetto ansiolitico e sedativo; legandosi al recettore GABA, queste infatti potenziano enormemente l’effetto del legame tra il GABA e il recettore stesso, favorendo e mantenendo più a lungo l’apertura del canale e producendo quindi un effetto inibitorio molto più potente e duraturo.

    Le benzodiazepine funzionano molto bene come ansiolitici e sedativi ma hanno due grossi svantaggi: Inducono una forte dipendenza e inducono assuefazione. Andrebbero dunque prese solamente per periodi di tempo molto brevi, per non più di 15-20 giorni.

    Il GABA e i recettori - Integratori efficacia

    Un’altra strategia per avere un effetto ansiolitico è quella di aumentare la quantità di GABA disponibile nelle sinapsi.

    Come assumere il GABA?

    Assumere GABA direttamente attraverso la normale alimentazione è molto difficile in quanto le quantità contenute nei cibi sono estremamente basse.

    Alcuni alimenti come cereali, latte e legumi contengono il precursore del GABA, l’acido glutammico. Il GABA infatti viene prodotto nel nostro cervello a partire proprio dall’acido glutammico, quindi assumere con l’alimentazione acido glutammico potrebbe aumentare la produzione endogena di GABA.

    Negli ultimi anni sono stati sviluppati, prodotti e messi in commercio diversi integratori alimentari che contengono GABA, ma diversi test hanno messo in dubbio la loro efficacia nello svolgere una funzione calmante. Accanto a questi è nata un’altra tipologia di integratori, che non contengono GABA ma che vanno ad agire sui recettori GABA, inducendone la produzione autonoma.

    Ma andiamo a capire nel dettaglio come funzionano gli integratori GABA, qual è la loro reale efficacia e qual è la differenza fra integratori che contengono GABA e integratori che agiscono sul GABA.

    Integratori che contengono GABA: sono efficaci? Gli studi clinici

    La strategia degli integratori che contengono GABA è molto semplice: dal momento che il GABA è un neurotrasmettitore che agisce nel cervello con attività calmanti e sedative, assumerlo dovrebbe produrre un effetto calmante e sedativo. In realtà i vari studi clinici che sono stati effettuati su pazienti che assumevano integratori di GABA non hanno prodotto i risultati sperati; nel corso degli anni gli integratori di GABA sono stati testati diverse volte su pazienti che soffrivano di stress, di ansia e di insonnia con risultati incerti.

    Una review del 2020 pubblicata su Frontiers in Neuroscience, ha esaminato tutti gli studi clinici e preclinici pubblicati sugli integratori GABA per valutare se l’assunzione di GABA potesse avere o meno un effetto calmante e ansiolitico. Da questa review è emerso che esiste un basso livello di evidenza scientifica per i benefici del GABA sulla gestione di stress e ansia e un livello di evidenza molto basso per i benefici del GABA sul miglioramento del sonno.

    Esistono inoltre prove molto limitate che il GABA possa attraversare la barriera ematoencefalica e possa esercitare effetti biologici sul sistema nervoso centrale. In poche parole questi scarsi risultati ottenuti sarebbero dovuti al fatto che il GABA assunto per via orale non è in grado di arrivare nel cervello per svolgere le sue funzioni calmanti.

    Per questi motivi assumere integratori con GABA potrebbe non essere la strada migliore per sfruttare gli effetti benefici di questa molecola. Una diversa strategia è quella di assumere integratori che agiscano in maniera indiretta sul GABA.

    Integratori che agiscono sul GABA: come funzionano e benefici

    Come abbiamo visto, per sfruttare gli effetti benefici del GABA nel nostro cervello, è necessario assumere sostanze che abbiano un effetto indiretto sulla produzione o sull’attività del GABA; una di queste sostanze è la Passiflora Incarnata.

    La passiflora è una delle sostanze naturali con più ricerche scientifiche e studi clinici pubblicati per il suo effetto ansiolitico, rilassante e contro l’insonnia. La sua azione è dovuta principalmente al fatto che i componenti attivi della Passiflora agiscono potenziando l’effetto del GABA.

    La passiflora non agisce aumentando direttamente la quantità di GABA presente nelle sinapsi (come promettono fare gli integratori contenenti GABA) né agisce aumentando l’attività dei recettori del GABA (come fanno le benzodiazepine, con importanti effetti collaterali) ma agisce inibendo i recettori GABA-B pre-sinaptici (recettori che hanno il compito di ricaptare il GABA) con un effetto finale di diminuzione della ricaptazione di GABA e un conseguente aumento della trasmissione GABAergica.

    In questo modo, il GABA, una volta prodotto e rilasciato, non viene distrutto, ma continua a trasmettere il suo segnale inibitorio, con un conseguente aumento dello stato di calma e relax delle cellule.

    Da questo meccanismo d’azione derivano l’efficacia e l’altissimo profilo di sicurezza della passiflora che, al contrario degli integratori contenenti GABA, ha effetti ansiolitici documentati da numerosissimi studi clinici e, al contrario dei farmaci benzodiazepinici, non induce dipendenza, assuefazione e non ha effetti collaterali.

    integratori gaba come agiscono

    Gli effetti benefici della Passiflora sono così ben documentati che nel 2014 l’EMA (European Medicines Agency) ha pubblicato una monografia su questa pianta, riconoscendo così il suo status di prodotto medicinale. La Passiflora ha dimostrato di avere:

    • Effetto Ansiolitico: il maggior numero di evidenze scientifiche sulla Passiflora riguarda il suo effetto ansiolitico. In uno studio condotto su persone con disturbo d’ansia generalizzato è stato dimostrato che la Passiflora ha lo stesso effetto ansiolitico dell’Oxazepam (un farmaco ansiolitico appartenente alla classe delle benzodiazepine); inoltre non provoca una diminuzione delle performance lavorative dei pazienti e non crea dipendenza. È stato anche dimostrato che la Passiflora riduce il livello d’ansia se assunta prima di un intervento chirurgico o prima di un’estrazione dentale.
    • Riduce lo stress: è stato dimostrato che l’assunzione a lungo termine di passiflora riduce i livelli di stress e, quindi, aumenta la motivazione e il benessere mentale.
    • Migliora il sonno: è stato dimostrato che persone con problemi di insonnia hanno avuto miglioramenti con l’assunzione di Passiflora, che agisce facilitando l’addormentamento e migliorando la qualità del sonno durante tutta la notte.

    Integratori che agiscono sul GABA: quando assumerli?

    Grazie al loro effetto calmante, gli integratori che agiscono sul GABA possono essere utili in caso di:

    • Ansia
    • Attacchi di panico
    • Stress
    • Insonnia
    • Disturbi fisici legati all’ansia come palpitazioni, tachicardia, disturbi gastrici, disturbi intestinali ecc.

    Controindicazioni degli integratori GABA

    Generalmente gli integratori che agiscono sul GABA sono sicuri da assumere e non hanno particolari controindicazioni; inoltre non causano dipendenza né assuefazione. Per sicurezza questi integratori vengono sconsigliati in caso di:

    • Gravidanza e allattamento.
    • Bambini con meno di 12 anni di età.

    Integratore GABA Relansiolam

    Da tutte queste considerazioni e dallo studio dei meccanismi fisiologici che causano l’ansia, PG Pharma ha creato l’integratore alimentare Relansiolam, un prodotto naturale che contiene estratti vegetali di Passiflora, Biancospino, Lavanda e Melatonina, nei corretti quantitativi, per aiutare a combattere lo stress e a favorire il rilassamento.

    Relansiolam è un prodotto sicuro che non crea né dipendenza né assuefazione ed agisce sul sistema del GABA in maniera indiretta, migliorando e potenziando l’attività calmante del GABA, producendo effetti ansiolitici e rilassanti e migliorando la qualità del sonno.

    Relansiolam è l’alleato naturale che ci può aiutare a sconfiggere l’ansia. La sua formulazione orosolubile, che si scioglie direttamente in bocca, gli conferisce rapidità di azione e comodità di assunzione.

    Puoi leggere maggiori informazioni o acquistare l’integratore GABA Relansiolam in confezioni da 30 compresse e a un prezzo speciale, direttamente dal sito PG Pharma:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *